Numismatici Italiani Professionisti
Associazione iscritta all'elenco del Ministero dello Sviluppo Economico di cui alla L. 4/2013
http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/mercato-e-consumatori/professioni-non-organizzate

Ai NUMISMATICI ITALIANI PROFESSIONISTI, associazione che si è costituita nel 1993, appartengono molti dei principali commercianti numismatici professionisti in Italia che da decenni operano mettendo a disposizione la propria professionalità e competenza numismatica.

A tale scopo i soci NIP, selezionati conoscitori dei molteplici settori della numismatica, si sono dotati di un severo codice deontologico interno che privilegia alcuni rilevanti aspetti della nostra professione, come il fornire la garanzia di autenticità e il classificare con rigore gli esemplari trattati, anche al di là degli obblighi sanciti dalle leggi.

La grande quantità di monete antiche e medioevali disponibili, da sempre alimenta il commercio che ha come utenti i collezionisti privati e solo occasionalmente i Musei pubblici. Questi sono costituiti, in modo spesso prevalente o rilevante, da raccolte di monete e medaglie provenienti da collezioni private, munificamente donate. Quello numismatico è quindi un mercato che, attraverso secoli di tradizione, è divenuto notevole per volume e impegno culturale.

In evidenza

NEWS IN EVIDENZA
Monete da due euro: quanto valgono davvero? Le precisazioni della NIP
25 settembre 2019

Nei giorni scorsi sono stati pubblicati da testate nazionali e locali (si veda a titolo di esempio il Corriere della Sera a questo indirizzo) articoli contenenti notizie parzialmente incomplete o fuorvianti sulle monete da 2 euro circolanti e commemorative.

I post sottolineano fin dal titolo, ad esempio, come (si veda lo stesso articolo, tratto da un post del portale in lingua spagnola Flooxer now, leggi qui) alcune di queste monete arrivino a valere “anche 2 mila euro”.

La NIP, come associazione professionale del settore numismatico riconosciuta a livello nazionale ed internazionale, a difesa dei consumatori e dei collezionisti ritiene opportuno, pertanto, fare chiarezza sull’argomento sottolineando, in primo luogo, come miliardi di monete da 2 euro coniate negli anni per la normale circolazione e circolate, con segni di usura, graffi e ammaccature, non abbiano alcun valore tranne quello nominale (2 euro).

Ciò premesso, va reso noto al pubblico non specializzato (ossia, a quanti non siano collezionisti o conoscitori di numismatica) come le monete da 2 euro che - in certi casi - assumono un valore commerciale di centinaia o migliaia di euro sono soltanto poche commemorative emesse in confezioni speciali, con basse tirature (nell’ordine di migliaia o decine di migliaia di esemplari) e che, perciò, non sono mai state messe in circolazione dai paesi produttori, ma solo sul mercato collezionistico.

Per queste monete è il mercato stesso, secondo la legge fondamentale della domanda e dell’offerta, a determinare le valutazioni che molte testate indicano come “astronomiche”; valutazioni che, tuttavia, al variare della domanda e dell’offerta e col passare del tempo possono incrementarsi come diminuire.

Considerando alcuni esempi riportati dal Corriere, la moneta da 2 euro di San Marino del 2004 dedicata al numismatico e storico Bartolomeo Borghesi è stata coniata in appena 110 mila esemplari, sigillati uno per uno in appositi astucci.

I 2 euro di Finlandia dello stesso anno per celebrare l’ampliamento della UE sono stati prodotti in ben un milione di pezzi, entrati nella normale circolazione, e sono pertanto non rari, se non in perfette condizioni, caso in cui il valore commerciale si attesta comunque a poche decine di euro.

La moneta del Principato di Monaco dedicata nel 2007 a Grace Kelly, infine, è effettivamente molto ricercata e rara e raggiunge prezzi nell’ordine di oltre 2 mila euro, ma esiste soltanto in astuccio e capsula sigillata e non potrà mai essere trovata in circolazione.

La NIP desidera inoltre sottolineare quanto fuorvianti possano essere i prezzi proposti, nelle vendite online, attraverso piattaforme web di vario genere: il venditore privato, infatti, ha “diritto” di chiedere pressoché qualunque cifra, anche non commisurata al mercato reale nella speranza che l’acquirente, ignaro del reale e modesto valore di molte monete da 2 euro, le acquisti nell’ottica di un investimento o di un aumento di valore.

I numismatici italiani professionisti della NIP e tutti i commercianti italiani ufficiali del settore che operano applicando tutte le normative di legge e fiscali, oltre che i principi dell’etica professionale, possono e devono invece garantire una corretta valutazione ed un prezzo allineato al mercato.

Una collezione numismatica di euro monete può essere intrapresa o per semplice curiosità e interesse culturale - raccogliendo, ad esempio, euro circolati, ben sapendo che il loro valore è solo quello che vi è  impresso sopra - o, in caso contrario, avvalendosi di canali commerciali ufficiali e di operatori qualificati.