Numismatici Italiani Professionisti
Associazione iscritta all'elenco del Ministero dello Sviluppo Economico di cui alla L. 4/2013
http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php/it/mercato-e-consumatori/professioni-non-organizzate

Ai NUMISMATICI ITALIANI PROFESSIONISTI, associazione che si è costituita nel 1993, appartengono molti dei principali commercianti numismatici professionisti in Italia che da decenni operano mettendo a disposizione la propria professionalità e competenza numismatica.

A tale scopo i soci NIP, selezionati conoscitori dei molteplici settori della numismatica, si sono dotati di un severo codice deontologico interno che privilegia alcuni rilevanti aspetti della nostra professione, come il fornire la garanzia di autenticità e il classificare con rigore gli esemplari trattati, anche al di là degli obblighi sanciti dalle leggi.

La grande quantità di monete antiche e medioevali disponibili, da sempre alimenta il commercio che ha come utenti i collezionisti privati e solo occasionalmente i Musei pubblici. Questi sono costituiti, in modo spesso prevalente o rilevante, da raccolte di monete e medaglie provenienti da collezioni private, munificamente donate. Quello numismatico è quindi un mercato che, attraverso secoli di tradizione, è divenuto notevole per volume e impegno culturale.

In evidenza

NEWS IN EVIDENZA
Conferito a Luca Gianazza il premio "Nip Emilio Tevere"
04 Dicembre 2017

Il prestigioso premio "Nip Emilio Tevere" è stato conferito a Luca Giannazza, nel corso del Workshop Crippa Numismatica. Giannazza  ha ricevuto il premio direttamente dalle mani di Luca Alagnavice presidente dei Numismatici Italiani professionisti.  43 anni, Giannazza vive a Castellanza e nella vita si occupa di telecomunicazioni, ma coltiva da tempo con passsione l'hobby della Numismatica; già nel 2016 partecipò al workshop, classificandosi secondo. "Questa è una scienza, e io collaboro anche con ricercatori e università". Quest'anno si è aggiudicato il premio con  l'opera bilingue "Il ripostiglio del «mercenario» del Colle del Teodulo (VS)", scritta insieme a José Diaz Tabernero. La targa è stata ritirata da Luca Gianazza e Rahel Ackermann (per conto di Tabernero), direttrice dell'Inventar der Fundmünzen der Schweiz (IFS) che ha pubblicato il libro. 

"Sono sette le opere pervenutici", dichiarano I Numismatici Italiani Professionisti, "ed è stato particolarmente difficile stabilire una graduatoria delle migliori, e indicare un vincitore".

fonte: articolo su "Legnano News" di Manuela Zoni.

Giannazza Premio.jpeg